Le domande più frequenti
(F.A.Q. Frequently Asked Question)

tratte da it.sport.nuoto

 

1. NUOTARE

1.1 - Che comportamento tenere in acqua: il Nuotator Cortese

D: Nel caso il nuotatore che ti precede sia *notevolmente* piu' lento, qual'e' il comportamento più elegante, corretto rispettoso ed educato da mantenere?
R: E' cortese ricordarsi che nelle ore di nuoto libero non si è soli ma si deve giocoforza condividere la corsia con altre persone, che possono essere più brave di noi o assolutamente alle prime armi. Il "nuotator cortese" cerca di ostacolare il meno possibile chi è più veloce di lui: ad esempio evitando le corsie centrali, quelle che una regola non scritta dedica ai "professionisti", oppure agevolando il più possibile il sorpasso senza ostinarsi per forza a stare davanti (come invece fanno in molti). E al tempo stesso il "nuotator cortese" è paziente verso chi è più lento di lui ed evita sorpassi prepotenti, smadonnamenti verso il lentone di turno e nuotate a delfino o con palette in corsie con decine di persone.

C'è un'altra soluzione possibile se si frequenta da tempo lo stesso impianto e si conoscono altre persone ed è quella di creare un gruppo che si allena insieme. Non intendo una società ma un semplice accordo di fare insieme lo stesso tipo di lavoro. In questo modo si può stare anche in 5-6 in corsia, e talvolta anche di più, senza darsi troppo fastidio. In genere poi un gruppo del genere tiene lontani quelli di un altro livello. Se poi si aggiunge qualcuno allo stesso livello si cerca di inglobarlo nel gruppo. Ovviamente ci vuole qualcuno che proponga l'allenamento e una buona disponibilità a concordarlo con gli altri.

1.2 - Gli stili

D: Che differenza c'è tra delfino e farfalla?
R: Il movimento di braccia è fondamentalmente lo stesso. Per quel che riguarda il movimento di gambe a delfino si fa un movimento di battuta a gambe unite, due per ogni bracciata, mentre per la farfalla si fa il movimento della rana, una battuta per bracciata. Lo stile a farfalla è ormai uno stile desueto e, fatta eccezione per le gare del circuito master, non si può più nuotare: del resto, essendo notevolmente più lenta, non la nuotava da un pezzo più nessuno.

1.3 - I muscoli coinvolti

D: Quali sono i muscoli motori primari per il nuoto? Che ruolo hanno? Come posso allenarli a secco?
R:
1. Depressori del braccio: Grande dorsale, gran pettorale, grande rotondo, tricipite. Questi muscoli tirano il braccio attraverso l'acqua e forniscono la stessa forza propulsiva per i quattro stili da compe­ tizione.
2. Rotatori interni del braccio: Grande rotondo, subscapolare, grande dorsale e gran pettorale. I rotatori del braccio vengono usati in tutti e quattro gli stili, purché eseguiti correttamente. Per illustrare questa azione, protendete il braccio orizzontalmente, e piegate il gomito a 45 gradi, poi sollevate il gomito e abbassate la mano.
3. Flessori del polso e delle dita: Flessore del carpo, ulnare e palmare. Molti nuotatori non hanno in questi muscoli forza sufficiente per controllare tutto l'attrito che le mani incontrano nell'acqua; per questo motivo «lasciano la presa» durante la trazione, rilassando le dita e il polso.
4. Estensori del gomito: Tricipite. L'estensore del gomito, muscolo di notevole potenza, viene usato nella farfalla, nel crawl e nel dorso al termine della trazione, per spingere indietro l'acqua.
5. Estensori della gamba e della caviglia: Quadricipite femorale, gastrocnemio e gluteo. Tutti questi muscoli sono coinvolti nella par­ tenza e nello stacco dal bordo della vasca; l'importanza del loro svi­ luppo è evidente. Essi rappresentano anche i motori primari dell'azione delle gambe nel dorso.
Alcuni muscoli poi producono una potenza supplementare, in quanto assistono, ma non generano il nuoto. Tra questi ricordiamo i muscoli del tronco anteriori, laterali, posteriori. La loro azione consiste nel collegare la potenza applicata davanti dalle braccia a quella applicata dietro dalle gambe; stabilizzano il corpo e danno al tronco un assetto elastico.
(da "La scienza del nuoto" di James E. Counsilman, p.278-279)

Per allenarli a secco ecco un link con molti esercizi utili:
http://www.exrx.net/Lists/Directory.html

1.4 - Irritazione delle vie respiratorie

D: Quando torno da un allenamento in piscina sperimento un'irritazione delle vie respiratorie - al naso principalmente - che perdura nelle ore (giorni) successivi. Si può evitare?
R: Si può evitare con un'accurata pulizia, nelle mucose infatti possono rimanere particelle d'acqua cariche di agenti disinfettanti, spesso irritanti. Il lavaggio può essere fatto con acqua tiepida e l'aggiunta di un cucchiaino da caffè di sale per ogni litro d'acqua: si piega la testa in avanti e tramite un tubicino si fa entrare l'acqua da una narice per farla uscire dall'altra.

1.5 - La biblioteca

D: Se volessi leggere qualcosa riguardo alle tecniche di allenamento, lo stretching, l'allenamento a secco e qualsiasi altra cosa riguardante al nuoto cosa mi consigliereste?
R: Ecco un breve elenco di libri con commento:

Bob Anderson, Stretching, Ed. Mediterranee, 1985

Anderson è "l'inventore" dello stretching. Il libro ha molti esercizi e alla fine le sequenze specifiche per ciascun sport (esiste anche quella per il nuoto); gli esercizi sono corretti ancor oggi, ma non è descritta alcuna teoria dello stretching e si parla solo di stretching statico rilassato (1985). Nella nuova edizione commemorativa 2001 sono state aggiunte molte cose, mi pare anche lo stretching PNF.
http://www.ediz-mediterranee.com/index.html?target=p_639.html?=it

Arthur Balaskas e John Stirk, Stretching, Red Edizioni, 1986

Balaskas si è occupato anche di yoga. Gli esercizi sono descritti benissimo, rispetto ad Anderson è più scientifico. Tratta solo di stretching statico.
http://www.internetbookshop.it/ser/serdsp.asp?shop=558&isbn=8870311880

Thomas Kurz, Stretching Scientifically, Stadion Publishing, 2000 [in inglese]

Kurz è un polacco emigrato in America. Si rifà alla tradizione ginnica sovietica: ha un capitolo iniziale tecnico sui meccanismi dello stretching a livello cellulare, poi passa a definire i vari tipi di stretching (balistico, dinamico, statico nelle varianti attivo o passivo, e isometrico o rilassato), inoltre tratta bene lo stretching PNF e il concetto di Strech Reflex; spiega qual'è la procedura corretta per una seduta di stretching (rotazione dei giunti per la fluidificazione del liquido sinoviale, riscaldamento, stretching dinamico e infine stretching statico); ha qualche esempio per tipo di sport (per il nuoto c'è qualcosa per il delfino); è pensato soprattutto per le arti marziali. Il prezzo è un pò sproporzionato. http://www.amazon.com/exec/obidos/tg/detail/-/0940149451/qid=1065633418/sr=1-1/ref=sr_1_1/102-9995670-7874528?v=glance&s=books

Bettazzoni - Ungarelli, "IL NUOTO. Capirlo, praticarlo, insegnarlo", Logos

E' stato il primo libro che ho letto sul nuoto. Ha un approccio un po' diverso dai soliti manuali perche' affronta il "fenomeno nuoto" anche sotto una prospettiva sociale e storica, piuttosto che analizzandone solo gli aspetti tecnici. E' sicuramente un libro interessante che mi ha fatto piacere leggere, mi e' mancata un po' la parte pratica, avrei preferito un'analisi piu' approfondita delle meccaniche degli stili e delle tecniche/strategie di allenamento. Quest'ultima parte e' quasi completamente assente, ma lo stesso autore ha pubblicato "Il nuoto per master e amatori" (Ed. Elika) che riempie questo vuoto. Consiglierei questo libro a chi e' interessato a conoscere il nuoto da un punto di vista piu' generale.

James E. Counsilman, La scienza del nuoto, Zanichelli

E' considerato una pietra miliare nel mondo del nuoto. L'autore e' stato probabilmente il primo ad analizzare il nuoto da un punto di vista scientifico al fine di trovare le soluzioni migliori in ogni singolo settore dell'attivita' natatoria. Malgrado l'approccio "da scienziato" il libro rimane comunque molto piacevole e leggibile anche per i profani. La prima edizione e' datata 1973, ma diverse cose al suo interno sono ancora molto attuali. Ho trovato parecchio interessanti i capitoli dedicati alle meccaniche degli stili, dei tuffi e delle virate. Alcune cose ormai sono date per scontate, ma per l'epoca in cui e' stato scritto rappresentavano una vera rivoluzione. Il libro dedica anche diverse pagine alla gestione di una squadra, alla programmazione degli allenamenti, all'alimentazione, all'allemento a secco. Alcune parti sono ovviamente obsolete, ma sono servite come base per le evoluzioni successive. Nel 1994 e' uscita una nuova versione del libro intitolata "The New Science of Swimming" che pero' mi risulta non sia mai stata tradotta in italiano.

Ernest W. Maglischo, Swimming Even Faster, Hardcover (lingua inglese)

Si potrebbe considerare un moderno "La scienza del nuoto". E' un libro molto tecnico, dedicato a chi e' interessato a comprendere ogni aspetto legato al nuoto da un punto di vista particolarmente legato all'agonismo. Dentro questo libro ho trovato la risposta dettagliata e referenziata a qualsiasi domanda mi sia mai posto sul nuoto. L'autore analizza con un approccio molto tecnico tutte le strategie per ottenere migliori prestazioni. Parte con l'analisi della fisiologia umana, la risposta fisiologica ormonale agli allenamenti, l'inmancabile analisi delle meccaniche degli stili, tutte le strategie e le tecniche di allenamento, proseguendo con l'analisi di tutti gli aspetti che possono interessare chi vuole ottenere le massime prestazioni in questo sport.

Terry Laughlin & John Delves, "Total Immersion: The Revolutionary Way to Swim Better, Faster, and Easier", Paperback (lingua inglese)

Si propone come un libro particolarmente "americano": utilizza toni molto enfatici per analizzare e correggere gli errori piu' tipici dei nuotatori amatoriali, secondo me curando piu' la confezione che il contenuto. Malgrado il titolo in realta' al suo interno non c'e' nulla di cosi' rivoluzionario. La sua forza e' probabilmente quella motivare i lettori dandogli l'impressione di avere tra le mani un "silver bullet" (la soluzione vincente destinata a pochi eletti). Io non amo molto i toni da multilevel marketing, per cui rispetto agli altri non ho trovato questo libro cosi' interessante.

Umberto Pelizzari, Corso di Apnea, Ed. Mursia

E' ovviamente un libro sull'apnea ma non puo' fare a meno di analizzare in maniera completa anche il nuoto e tutti gli aspetti legati a questa disciplina. La particolarita' di questo testo e' che non analizza il movimento in acqua sotto un profilo strettamente legato alla prestazione, ma da un punto di vista di efficienza e risparmio di energie. E' un libro che secondo me puo' essere molto interessante anche per chi, per non essendo particolarmente interessato all'apnea, ama il nuoto in acque aperte e vuole conocerne i diversi aspetti.

Michael Pedroletti, I Fondamentali Del Nuoto, Libreria dello Sport

Non basta saper stare a galla per dire di saper nuotare. Per nuotare bene bisogna imparare i fondamentali, migliorare la tecnica, stabilire una progressione di esercizi e un programma di lavoro. Questo libro si rivolge agli insegnanti, ai docenti, a tutti coloro che desiderano perfezionarsi in questa o quella tecnica di nuoto, proponendo ad ognuno una soluzione adatta al proprio livello di preparazione e agli obiettivi che si vogliono raggiungere. Autore Michel Pedroletti, un ex nuotatore della nazionale francese, è stato Allenatore del Centro Nazionale d'Allenamento dell'INSEP (Istituto Nazionale Dello Sport e dell'Educazione Fisica in Francia) per numerosi anni. Ha partecipato ai Giochi Olimpici di Mosca, Los Angeles (due dei suoi nuotatori vi ottennero due medaglie), Seul e Barcellona. Ha pubblicato anche: "Il nuoto", ora esaurito, e "Nuoto performance".

2. INSEGNARE A NUOTARE

D: Vorrei insegnare a nuotare alla mia ragazza che ha 24 anni. Dalle nostre parti niente piscine e istruttori quindi tocca a me. Qualche sito internet su cui trovare gli esercizi?
R: Premesso che imparare a insegnare nuoto 'per corrispondenza' è a mio giudizio impossibile, se hai già un'idea globale di come si fa e ti serve qualche esercizio pratico o qualche linea direttiva un'occhiata a internet non può far male anche se forse ti sarebbe più utile qualche manuale (ad esempio quello della Federazione per i corsi istruttori).

Siti utili:
http://www.swimmingonline.net/mainmenu/mainmenu.htm
http://www.nuotosportlocarno.ch/Pubblicazioni/Stili/Stili.htm
http://members.xoom.virgilio.it/sbaires/
http://www.nonsolofitness.it/indici/indice_nuoto.asp

Forse il migliore, per il tuo problema, è questo aprendo il capitolo della didattica. Certo non troverai "come diventare istruttore di nuoto in 10 lezioni", però qualche indicazione utile senz'altro sì.

3. TIPI DI ALLENAMENTO

3.1 - Le categorie

D: Come si differenziano i vari tipi di allenamento? In base a quali caratteristiche?
R:

A1, A2: allenamenti di capacità aerobica.

A1: Andature aerobiche di base (pulsazioni inferiori alle 120/130), andature di riscaldamento, defaticamento o comunque poco impegnative dal punto di vista dello sforzo.
A2: Resistenza aerobica (pulsazioni fra i 130 e i 150 bpm). Lo sforzo deve essere continuo, utile come andatura di adattamento dopo sforzi più impegnativi. Per allenare la resistenza aerobica il tempo di sforzo continuo deve essere almeno di 40'/45'. Lattato ematico: 2 ml.
Distanze da privilegiare: 400m / 800m.
Recupero medio riferito ai 100m: 5"/10".

B1: Soglia anaerobica (pulsazioni fra i 160 e i 180 bpm). Il tempo di sforzo utile per essere allenante deve essere almeno di 20'/30'. Lattato ematico: circa 4 ml.
Distanze da privilegiare: 200m / 300m.
Recupero medio riferito ai 100m: 15"/20".
B2 - VO2 Max (Massimo consumo di ossigeno nell'unità di tempo).
Una buona definizione è "il massimo dell'allenamento aerobico sfruttando meccanismi anaerobici". Lo sforzo è sub-massimale, con le pulsazioni che vanno oltre i 180 bpm. L'allenamento ottimale prevede la ripetizione di sforzi continui compresi ciascuno tra i 3' e i 6', per un totale di almeno 20'.
Lattato ematico: circa 8 ml.
Distanze da privilegiare: da manuale 400m, molto variabile secondo le esigenze specifiche.
Recupero medio riferito ai 400m: 1'30".

C1 - C2 - C3 allenamenti lattacidi.

C1: Tolleranza lattacida. Gli sforzi sono submassimali/massimali per tempi compresi fra i 1' e i 3', con le pulsazioni oltre i 180 bpm (in alcuni tipi di esercitazioni brevi possono anche rimanere più basse, comunque poco influenti).
Lattato ematico: circa 8 ml (valore molto indicativo e variabile soprattutto verso l'alto).
Per il tipo di andature producibili e per le tipologie delle serie fattibili diventa impossibile definire i tempi di recupero e di sforzo.
C2: Picco di lattato. Gli sforzi sono massimali, compresi fra i 15" ed 1', e raggiungono il loro apice ai 45". Lattato ematico: circa 10 ml, valore molto soggettivo e molto variabile soprattutto verso l'alto.
C3: Sprint, sforzo massimali anaerobici alattacidi teoricamente fino ai 8"/10".

D: Ritmi gara.

Questo più o meno è quello che recitano le varie dispense rilasciate, i valori indicati sono da prendere in modo elastico, ci si riferisce ad atleti allenati, con atleti in fase di ripresa o in condizione di poco allenamento diventano stimolanti tempi, sforzi e carichi inferiori, per atleti molto allenati è possibile andare oltre i parametri indicati.
Ogni tipo di allenamento è da prendere non come valore preciso ed assoluto ma come una serie compresa in un range di valori, lo spostamento verso il lato più aerobico o verso quello più anaerobico da, rimanendo sempre sulla qualità in questione, una valenza diversa alla seduta, con tempi di sforzo, intensità di sforzo e tempi di recupero diversi. Dilatare troppo i vari parametri può portare allo spostamento sulla qualità seguente o successiva. I valori del lattato sono quelli della letteratura classica, ma analisi moderne hanno dimostrato e confermato che tali valori sono molto soggettivi e influenzati dall'allenamento.
Si potrebbe fare un discorso lungo solo sui ritmi gara. Per chi volesse approfondire consiglio la lettura degli articoli molto dettagliati di Walter su Nuotare Magazine.
Molti dei progressi fatti negli ultimi anni sono stati ottenuti rompendo gli schemi classici... PER ROMPERE GLI SCHEMI BISOGNA CONOSCERLI MOLTO BENE INSIEME ALLA FISIOLOGIA E ALLA METODOLOGIA DELL'ALLENAMENTO.

3.2 - Tabelle

Tabella di conversione tempi di vasca lunga/corta (tratto da regolamento FIN 2009/10) :  vedi >>

Per il momento non sono presenti, chi volesse può inserirne di proprie partendo da Tabelle Allenamento, oppure rimando al sito di logaloga (un frequentatore del NG it.sport.nuoto), il cui link è: http://web.tiscali.it/logaloga/
Altre tabelle di allenamento le trovate qui:
http://www.personal.psu.edu/faculty/e/x/exk7/Tri&SwimWebStuff/PreviousSwimWorkouts.html


4. NUOTO AGONISTICO

D: mio figlio ha 11 anni: in che categoria sarebbe se fosse tesserato?
R: le categorie per la stagione 2009/10 sono organizzate così:

MASCHI
nati 2000 - 1999: esordienti B
nati 1998 - 1997: esordienti A
nati 1996 - 1994: ragazzi
nati 1993 - 1992: juniores
nati 1991 - 1990: cadetti
nati 1989 e seguenti: seniores

FEMMINE
nate 2001 - 2000: esordienti B
nate 1999 - 1998: esordienti A
nate 1997 - 1996: ragazze
nate 1995 - 1994: juniores
nate 1992 - 1993: cadette
nate 1991 e seguenti: seniores


5. MASTER

5.1 - Come e perchè del nuoto master;

D: Sono un nuotatore amatoriale, ma mi piacerebbe poter fare qualche gara. Sono troppo vecchio?
R: Per chiunque abbia la voglia di cimentarsi nel nuoto potendo competere con altri, è attivo in Italia il settore master. Il circuito master FIN è riservato a chiunque abbia più di 25 anni e non sia tesserato come agonista da almeno un anno. Parallelamente a questo circuito, esiste il circuito master UISP dove sono ammessi atleti con almeno 20 anni.

Il circuito master organizza gare in tutte le specialità classiche del nuoto, e possono parteciparvi tutti gli atleti che siano tesserati master presso una società master previo superamento di una visita medico sportiva per l'attestamento dell'attività sportiva.
Sono ammessi atleti di qualsiasi livello ed età, infatti non è difficile veder gareggiare nello stesso meeting atleti che ottengono tempi che gli permetterebbero di partecipare ai campionati assoluti e atleti che hanno oltre 80 anni.
Unica limitazione è il superamento di alcuni tempi limite che però sono presenti solo in gare internazionali particolarmente importanti come europei e mondiali. L'attività si svolge attraverso vari meeting a partire da Ottobre, passando per i regionali di Marzo fino a concludersi con i campionati italiani di Giugno, per poi lasciare il campo all'attività in acque aperte.
Maggiori informazioni sul calendario e altre informazioni generiche possono essere trovate nel sito di riferimento per il nuoto master in Italia.
Nelle gare master sono previste premiazioni singole e di squadra a seconda del meeting, come viene spiegato nelle locandine delle manifestazioni che vengono presentati indicativamente un paio di mesi prima dell'evento, consultabili nel sito nuotomaster citato sopra. Nelle gare vengono attribuiti dei punteggi, rapportando il tempo ottenuto con quello del record mondiale master di categoria (definito tempo base). A chi ottiene lo stesso tempo vengono attribuiti 1000 punti, a chi impiega il doppio 500 punti e così via in proporzione.
Chi durante all'anno porta a termine 5 gare in specialità diverse partecipa anche alla classifica supermaster, che si ottiene sommando i migliori 5 punteggi ottenuti in 5 specialità diverse. La classifica supermaster, oltre che per sesso è divisa nelle classiche categorie M25, M30, ... M100.
Nella categoria M25 possono partecipare gli atleti nati tra il '79 ed il '74, e così via a scaglioni di 5 anni per le altre categorie. Di recente, è stata inoltre introdotta una nuova classifica sperimentale chiamata ironmaster, che somma i punteggi ottenuti in tutte le 18 specialità del nuoto in vasca.

5.2 - Troppo giovane per i master?;

D: Sono una ragazza di 22 anni, faccio parte del gruppo MASTER, anche se un po' troppo giovane! Vorrei sapere: abbiamo la possibilità di fare gare? Chi mi sa dare dei chiarimenti?
R: Nel circuito supermasters della FIN l'età minima è 25 anni, però se la tua società è tesserata come UISP l'età minima scende a 20 anni e si tratta comunque di un circuito abbastanza ricco di possibilità, soprattutto per chi abita al centro-nord.

Per informazioni puoi consultare il settore UISP del sito: http://www.nuotomaster.it/UISNM/master.html

5.3 - Come calcolare i propri punteggi;

D: Come vengono calcolati i punteggi per le gare master?
R: All'inizio della stagione c'è un elenco di tempi di riferimento che corrispondono al mondiale master a tutto il mese di maggio. Quelli dell'anno scorso (2002-2003) si trovano all'indirizzo http://213.145.29.226/nuotomaster/NUOTO/master.asp
sotto la voce 'tempi base' (colonna a sinistra). Una volta che hai il tempo devi considerarlo pari a 1000 e calcolare il tuo punteggio in proporzione. Per capirci con un esempio banale: se il record del mondo (su quella vasca, sono divisi in vasca da 25 e da 50, e nella tua categoria) è 23" e tu ne impieghi 46" farai 500 punti.
La proporzione matematica è punteggio = record del mondo (in secondi) diviso tempo effettuato (sempre in secondi) per mille. Se poi non vi sentite tagliati per la matematica, alla pagina http://www.sportmaster.it/italia/2003/punti.aspx
c'è una comodissima calcolatrice per verificare i propri punteggi, anche se per il momento è aggiornata alla stagione 2002/03.

6. LINK UTILI

6.1 - I siti sul nuoto;

D: Potrei avere dei link a siti riguardanti il nuoto?
R: Perdiana!! Ecco quelli in italiano:

http://www.nuoto.it/
http://www.nuotomaster.it/
http://www.sportmaster.it/
http://www.federnuoto.it/
http://www.ficr.it/
http://www.deltaroma.com/training.htm
http://www.agendadiana.it/home.php
http://www.quellicheilnuoto.it/
http://www.sportraining.net/
http://www.swimitaly.it/main/index.htm
http://www.swimnews.com/index.jsp
http://www.natatoria.it/
http://ilnuotoincifre.port5.com/
http://it.geocities.com/italiamasternuoto/
http://digilander.libero.it/papinoroberto/web00_2/nuoto-1.htm
http://web.tiscali.it/logaloga/

.... quelli che riguardano l'alimentazione:

http://www.albanesi.it/Alimentazione/multivitaminici.htm
http://www.sportmedicina.com/integratori_e_doping.htm

... e gli esercizi a secco:

http://www.exrx.net/Lists/Directory.html

.... e quelli in inglese:

http://www.fina.org/
http://www.insweep.com/
http://www.svl.ch/
http://www.swimpsychology.com/
http://usa-swimming.org/

6.2 - I filmati

D: Vorrei vedere dei filmati per migliorare la mia tecnica a delfino (a rana, a stile, a dorso). Dove posso trovarli?
R: Premesso che quando manca la tecnica di base è difficile correggere i propri errori solo guardando un filmato, ecco alcuni siti dai quali scaricare filmati di nuotatori famosi e non nei quattro stili, incluse virate e partenze. I link sono funzionanti al momento in cui viene redatta questa FAQ (15 settembre 2003):

http://www.swim.ee/videos/index.html
http://wellness.lattc.cc.ca.us/real/strokes.html
http://buehlerbluemarlins.net/videos/barcelona2003/barcelona.html
http://www.per4m.ca/
http://www.wa.swimming.org.au
http://www.swim-city.com
http://usa-swimming.org

7. DIVENTARE ISTRUTTORE

D: Vorrei diventare istruttore di nuoto, che requisiti devo avere? Cosa devo fare?
R: I corsi sono organizzati dai comitati regionali della federazione italiana nuoto. Dall'anno scorso (2002/2003) la formazione degli istruttori è articolata in 3 momenti, ognuno dei quali prevede una qualifica propria (allievo istruttore, istruttore di primo livello e istruttore di secondo livello). Il primo di questi 3 livelli di formazione è facoltativo, ed è comunque indirizzato a coloro che hanno tra i 16 e i 18 anni.

Per accedere al corso di allievo sono necessari i seguenti requisiti:
- avere tra i 16 e i 18 anni;
- certificato d'idoneità generica;
- certificato buona condotta (sostanzialmente non aver riportato condanne penali);
- saper nuotare i 4 stili;
- pagamento tasse (vedi in fondo).

Per il corso di primo livello sono necessari i seguenti requisiti:
- avere più di 18 anni;
- gli altri requisiti del corso di allievo.

Per il corso di secondo livello sono necessari i seguenti requisiti:
- avere almeno 19 anni;
- anzianità di un anno del brevetto di primo.

Chi ha il brevetto di I livello deve fare il corso di secondo entro tre anni, pena il decadimento del brevetto (a meno di seguire appositi corsi d'aggiornamento, in vista comunque di seguire successivamente il corso di secondo livello).
L'istruttore di nuoto (dopo la "riforma") è abilitato alla didattica elementare, all'acquaticità, alla scuola nuoto e alla ginnastica in acqua. Per quanto riguarda i costi, in Lombardia (ma dovrebbe essere uguale dappertutto):

allievo 155 euro;
I livello 300 euro (145 se già in possesso del brevetto di allievo);
II livello 310 euro;
rinnovi annuali 50 euro.

Per maggiori ragguagli chiedere al comitato regionale di competenza. A onor di cronaca ricordo che l'UISP e altre associazioni organizzano corsi per diventare istruttori, che comunque non dano accesso al brevetto federale.

 

 

 

 

--- MASTER

Per fare i master bisogna aver fatto agonismo in passato?
No, la categoria Master è amatoriale e aperta a tutti quelli che ne hanno i requisiti di età e abilitazione medica, è indubbio che viene richiesta una buona capacità natatoria.

Per iscriversi alle gare si devono rispettare alcuni tempi minimi (tempi limite)?
No, al momento della iscrizione a una gara si dichiara un tempo utile ai fini dell'ordine di partenza. E' buona norma comunque dichiarare tempi coerenti con quelli che effettivamente si è in grado di fare.

Cosa serve per partecipare alle gare?
Occorre essere tesserati per l'attività Nuoto Master presso una società sportiva che aderisce alla FIN (Federazione Italiana Nuoto). Il tesserino dovrà essere presentato al giudice di gara al momento della partenza.

Cosa serve per tesserarsi?
E' necessaria l'abilitazione medica per attività di nuoto agonistico. Non si tratta del certificato rilasciato dal medico di base, ma di una abilitazione che si ottiene mediante visita presso le diverse ASL o presso alcuni centri privati autorizzati.

A chi mi devo rivolgere per iniziare?
Tutte le iscrizioni vengono accettate dal consiglio direttivo. La cosa migliore è contattare il responsabile dell'attività telefonicamente o durante gli orari di allenamento.

Come posso iniziare?
Se avevi già fatto agonismo in passato il problema per iniziare può essere la limitata disponibilità di spazio per poter accettare nuovi iscritti da parte nostra. Se invece non avevi fatto agonismo, verrà dato un periodo di prova di due settimane durante il quale verranno valutate le tue capacità natatorie.

Quali sono i criteri con cui si accettano le nuove iscrizioni?
Il criterio primo è quello di dare spazio agli amatori del nuoto. Si da quindi precedenza a chi era già iscritto l'anno precedente e ha fatto un numero sufficiente di gare, oltre ad aver frequentato gli allenamenti. Per quanto riguarda i nuovi arrivati, verrà valutata la disponibilità di spazi all'interno dei singoli gruppi in base alla loro capacità natatoria.